Single burger milano mcdonald senior dk Hvidovre

Single burger milano mcdonald
Rated 4.3/5 based on 993 customer reviews

Dopo due giorni di apertura e di successo di pubblico, sabato sera la sorpresa: durante la cena è stata svelata la vera insegna e la cucina Mc Donald’s, con le attrezzature e i dipendenti dell’azienda.

Siete di quelli che “io non mangerei mai un hamburger Mc Donald’s”? Quante volte, nei vini, le degustazioni alla cieca riservano sorprese (a volte amare per le etichette pi blasonate). Il 9 aprile scorso a Milano ha debuttato “Single Burger”, trendy hamburgheria “certificata” da Maurizio e Andrea di chissenefood, concorrenti di Masterchef che si sono prestati alla realizzazione di un locale che, sotto mentita insegna, ha servito un hamburger Mc Donald’s.Allora sperate di non essere passati nel cuore della movida milanese, in corso Como, ed aver assaggiato i panini del nuovo “Single Burger”, magari decantandoli per la loro bont e ineccepibile qualit. Dopo due giorni di apertura e di successo di pubblico, sabato sera la sorpresa: durante la cena, l’insegna del ristorante cade e spunta l’inconfondibile M gialla mentre all’internola parete che separa la sala dalla cucina cade e scopre una cucina Mc Donald’s, con le attrezzature e i dipendenti dell’azienda.Il ristorante, che da oggi si chiama Mc Donald’s Premium, si trova in Via Rosales 1, Angolo Monte Grappa a Milano e resterà aperto al pubblico fino a fine maggio.Sei pronto a lasciarti sorprendere dal gusto di Mc Donald’s? Vedere le reazioni della gente stato impagabile – commentano Maurizio e Andrea – ma in fondo quello che successo a noi: prima di accettare di collaborare con Mc Donald’s il nostro manager ci ha sottoposto allo stesso test, e ci ha fatto assaggiare un hamburger – che abbiamo trovato buonissimo – nascondendoci che gli ingredienti fossero tutti ingredienti Mc Donald’s.

Ecco perch non ci ha sorpreso lo stupore di chi si trovava da Single Burger nello scoprire che noi abbiamo lavorato alla presentazione del piatto, ma che gli ingredienti usati e la ricetta sono di Mc Donald’s, e che il panino stato preparato usando la cucina e i ragazzi di Mc Donald’s.E’ stato sufficiente nascondere il marchio e mostrarci con un nuovo vestito per far parlare solo il gusto e la qualit degli ingredienti, lasciando in secondo piano i pregiudizi sulla marca – commenta Emanuela Rovere, direttore marketing di Mc Donald’s Italia -.Questo esperimento ci ha confermato quello di cui siamo sempre stati convinti, ovvero che i nostri burger non hanno nulla da invidiare per ricetta e qualit a quelli serviti nei pi accreditati ristoranti.Avrebbero saputo riconoscere i nostri critici e cantori gourmet che dietro al marchio Single Burger si nascondeva l’odiata “M” dei non so quanti ingredienti per le patatine, è la domanda che si accende nella testa.Tutti a deglutire, riporre macchine fotografiche, cancellare nervosamente scatti aulici con lo smartphone e a tirare un sospiro di sollievo per aver evitato una figura di palta? Chapeau alla multinazionale dell’hamburger che ha ideato il simpatico sberleffo.